Laguna nel bicchiere – le vigne ritrovate e SpiazziVerdi sono due associazioni “sorelle” che alla Giudecca condividono lo stesso spazio, lo coltivano e lo curano da ormai sei anni. All’inizio i campi d’azione erano separati, le zone divise, i tempi diversi; una le vigne, l’altra l’orto collettivo. Nel tempo ci siamo annusati reciprocamente, ci siamo “contaminati”, sopra il grande tavolo conviviale di SpiazziVerdi è arrivata la vite, sotto le viti sono stati piantati fiori, ortaggi, erbe aromatiche. Adesso, chi visita per la prima volta le Zitelle non capisce dove si trova: una vigna commestibile? Un giardino vitato? Un orto fiorito? Tutto si mescola, in un apparente caos che è in realtà frutto di sperimentati tentativi di conciliare la monocoltura della vigna con la biodiversità di piante coltivate e spontanee. Dopo sei anni di vita il giardino commestibile delle Zitelle è diventato il luogo con più biodiversità in città, che si affianca ad una biodiversità anche umana, si coltivano i piaceri dei sensi, la coltivazione della terra, la trasformazione dei prodotti, la cucina conviviale all’aperto sul grande tavolo in legno che ospita stimolanti banchetti tra compagni di viaggio.
Michele Savorgnano

 

spiazzi