“Guardo crescere e cresco” in tempo di Covid-19

 

Nell’anno scolastico 2020/21 la particolare situazione di emergenza sanitaria non permette agli alunni di recarsi presso i luoghi previsti per l’osservazione e le esperienze sul campo (raccolta semi, abbacchiatura, vendemmia…) né di ricevere a scuola l’intervento di operatori esterni.

Ciononostante, in accordo con le scuole con cui collaboriamo da anni, e grazie alle organizzazioni ed istituzioni che permettono la sua realizzazione, il progetto va avanti.

Le classi, attraverso una corrispondenza periodica e sistematica, ricevono informazioni, curiosità, materiale e proposte di lavoro.

Si mantiene così con alunni ed insegnanti un rapporto vivo e confidenziale di “attesa” e di “risposta” agli stimoli che arrivano da parte delle operatrici del progetto.

È un Progetto per il raggiungimento della competenza in materia di cittadinanza per la promozione di un cittadino riflessivo, critico e attivo, capace di agire per migliorare la qualità di vita effettivamente raggiungibile.

Destinatari:

Classi 1-2-3-4-5

Finalità:

  • Sviluppo della sensibilità verso gli altri e disponibilità a relazionarsi positivamente
  • Apprezzamento e rispetto per la natura
  • Responsabilizzazione sulle risorse del pianeta
  • Presa di coscienza circa il contributo che ognuno può portare alla salvaguardia del patrimonio naturalistico del delicato ambiente di Venezia e della sua laguna
  • Consapevolezza dell’importanza di un’alimentazione corretta e varia per migliorare il benessere fisico

Obiettivi:

  • Contribuire a creare l’abitudine all’attesa per riuscire a sganciare la reazione dallo stimolo
  • Realizzare relazioni interpersonali positive e soddisfacenti
  • Sviluppare relazioni socioaffettive attraverso la cura dell’ambiente
  • Sensibilizzare e sviluppare le capacità sensoriali
  • Contribuire ad individuare comportamenti corretti di rispetto della natura e delle creature viventi e di curiosità per ciò che è diverso
  • Osservare e scoprire le caratteristiche naturalistiche del proprio territorio
  • Conoscere e riconoscere le piante presenti, le loro proprietà e il loro utilizzo
  • Prendersi cura delle piante attraverso esperienze dirette sul campo periodiche e sistematiche
  • Valorizzare un corretto rapporto e utilizzo delle piante attraverso la trasmissione della storia e tradizione locali (ricette di cucina e rimedi salutari, canti, storie, fiabe, filastrocche)
  • Comprendere la necessità di variare l’alimentazione ai fini della salute e del benessere fisico e ambientale

Attività:

La particolare situazione di emergenza sanitaria non permette agli alunni di recarsi presso i luoghi previsti per l’osservazione ed esperienze sul campo (raccolta semi, abbacchiatura…).

Si lavorerà in classe e nel cortile della scuola seguendo le indicazioni delle esperte delle associazioni coinvolte che desiderano mantenere il rapporto vivo con alunni e insegnanti attraverso un epistolario periodico e sistematico che conterrà materiale e proposte su cui le classi potranno lavorare.

 

Classi prime:

IL FIORE

L’attenzione rivolta alla raccolta dei semi, alla semina e alla cura delle plantule, aiuterà gli alunni a maturare una maggiore responsabilità.

Una volta germogliate le piante, curate dagli alunni, saranno donate in un luogo da destinarsi (aiuola in Serra dei Giardini, orto chiesa di Sant’Elena …)

Verrà così sperimentata una nuova dimensione del dono come “tempo dedicato alla cura”.

  • Ottobre/novembre/dicembre: lettura e drammatizzazione di una storia che ha come protagonista il fiore della calendula. Presentazione della pianta della calendula. Laboratorio a scuola per realizzare un oleolito alla calendula
  • Gennaio: coltivazione di bulbi (giacinti, narcisi, crochi, tulipani)
  • Secondo quadrimestre: laboratorio musico-teatrale (storie, filastrocche, canti e danze di primavera). Offerta della propria piantina in un luogo da destinarsi (aiuola in serra, orto chiesa di Sant’Elena …)

Vedi lo Schema delle attività >>

 

Classe seconda e classi terze:

LA VITE

  • Ottobre: consegna a scuola di alcune ceste di uva donate dagli anziani della Casa di Riposo della Giudecca, affinché i più piccoli possano assaggiare l’uva e provare a preparare una tipica ricetta veneziana. Laboratorio in classe: preparazione di una ricetta tipica della tradizione veneziana con l’utilizzo dell’uva: i “sugoli”.

Vedi lo schema delle attività >>

 

LE PIANTE AROMATICHE

Le piante aromatiche si prestano per essere coltivate, conosciute e riconosciute dai bambini.

Si potranno seguire le fasi della loro crescita e intervenire creativamente attraverso la messa a dimora delle piante in aree destinate.

Le piante potranno poi essere utilizzate per preparare ricette, tisane, medicamenti, profumi, rendendo il bambino protagonista, non solo passivo fruitore di ciò che consuma.

  • Ottobre/novembre/dicembre: presentazione in classe di alcune piante aromatiche raccolte dagli esperti di “Laguna nel bicchiere” nell’orto dei novizi a S. Michele e fatte pervenire a scuola.
  • Carta d’identità di ciascuna (menta, timo, salvia, rosmarino…). Laboratorio a scuola per realizzare il sale aromatizzato
  • Gennaio: semina in semenzaio
  • Secondo quadrimestre: trapianto delle piantine nel cortile della scuola e in un luogo da destinarsi. Laboratorio a scuola per realizzare un dentifricio.

Vedi lo schema delle attività >>

 

Classi quarte:

L’OLIVO

La sospensione delle uscite didattiche comporta per quest’anno un cambiamento nella scaletta degli impegni per la classe.

  • Ottobre/novembre/dicembre: preparazione in classe di un documento di adozione degli olivi. Consegna a scuola di un filmato e foto che documenta l’abbacchiatura delle olive e il loro viaggio verso il frantoio. Attività di ricerca della presenza dell’olivo in laguna. Laboratorio a scuola per la preparazione delle olive in salamoia e imbottigliamento dell’olio ricavato dall’abbacchiatura e realizzazione di una etichetta parlante.
  • Marzo/aprile/maggio: Adozione degli ulivi e consegna a scuola di un alberello di olivo in regalo e conseguente presa in cura da parte di tutto il plesso.

Vedi lo schema delle attività >>

 

Metologia:

  • Verrà utilizzata la ricerca attraverso l’osservazione e la successiva discussione porterà a prendere consapevolezza socio-ambientale e ad acquisire responsabilità individuale e rispetto alle proprie scelte

 

Durata del Progetto

Il progetto si svolgerà per tutto il corso dell’anno scolastico in collaborazione con la condotta Slow Food di Venezia, Gabriele Perenzin esperto olivicoltore e promotore del progetto MoVe (Mondragon Venezia), la cooperativa Nonsoloverde, e l’associazione culturale Momos.

Il progetto non prevede l’acquisto di materiale da parte delle scuole, poiché esso viene reso disponibile dalle associazioni e cooperative collaboratrici, nè compensi agli esperti esterni.